I Nostri Percorsi su Padova

Percorso 1: Santa Giustina, Prato della Valle, Museo del Precinema.
Il percorso prevede visita alla Basilica di Santa Giustina (durata di circa 30min), si prosegue con un momento di svago e riposo all’aria aperta in Prato della Valle, dove si potrà realizzare la “caccia alle statue” ed infine termina con una visita al Museo del Precinema (attenzione: ci sono barriere architettoniche).
Il percorso 1 si può connettere con il percorso 2 e 3.
In zona ci sono diversi locali per ristorarsi e fare spese.

Percorso 2: Orto Botanico
La visita all’Orto Botanico offre un bellissimo percorso con al proprio interno zone al chiuse e calde (zone serre e laboratori), zone esterne (orto antico) e zone prato (di fronte alle serre) dove ci si potrà rilassare e degustare un buon pranzo al sacco.
Tempo medio di visita 1h30′.
Questo percorso si collega facilmente ai Percorsi 1 e 3.

Percorso 3: Il Santo e i suoi miracoli
La Basilica del Santo è piena di opere d’arte e dettagli molto importanti. In questo percorso ci soffermeremo solo su alcuni aspetti distintivi, tra i quali i suoi miracoli. Nei chiostri ci sarà la possibilità di riposarsi e accedere ad una sala attrezzata per i pranzi al sacco.
Tempo medio di visita 45′.
Questo percorso si collega facilmente ai percorsi 1, 2 e 4.

Percorso 4: il Musme, Palazzo Zabarella
Il Museo della Storia della Medicina è completamente interattivo: il visitatore si interfaccerà con personaggi virtuali, toccherà ed esperimenterà diversi aspetti della storia della medicina.
Tempo medio di visita 1h15′.
Dopo la visita si potrà continuare verso il centro per una cioccolata calda o uno spritz. Nel tragitto si passerà davanti a Palazzo Zabarella (suggeriamo almeno un’occhiata dall’esterno e dal cortile oltre alle varie mostre temporanee ospitate al suo interno).
Questo percorso si collega facilmente al percorso 3.

Cosa sono i percorsi

Tutti i percorsi sono descritti in modo semplice e aggiornato in base alla loro bellezza artistica, ricchezza e varietà di cose da vedere e da fare, interesse culturale, sportivo, sociale.

Sono sperimentati e provvisti di dettagli utili ai vari tipi di disabilità, dettagli come le altezze dei gradini, l’adeguatezza dei bagni, la presenza di pedane, la possibilità di rumori forti, di assembramenti, di panchine dove potersi sedere durante il percorso.

Il team di V.I.S.O. ha contattato e preso accordi con il personale, se presente, dei siti visitabili e ha costruito un proprio protocollo sulla base del modello PEBA (Piano per l’Eliminazione delle Barriere Architettoniche) adottato dalle amministrazioni comunali. Il protocollo riporta i possibili ostacoli che si possono incontrare lungo il percorso, barriere fisiche o possibili problemi da considerare per la disabilità derivante da disturbi dell’aspetto autistico.

Gli esercizi commerciali segnalati sono stati informati e scelti in base alle loro caratteristiche logistiche e di accoglienza.

I percorsi sono suddivisi in modo da durare circa due ore, pausa inclusa. Viene segnalata la possibilità di unire più percorsi qualora si abbia a disposizione un tempo più lungo. Quando necessario viene indicato il periodo migliore o piú idoneo per le condizioni climatiche, ad esempio l’Orto Botanico di Padova, la cui visita è preferibile dalla primavera all’autunno.

Per altri posti la scelta è a discrezione di chi fa il percorso, o dettata da chiusure particolari di chiese, monumenti, musei.

Le nostre mappe sono gratuite e scaricabili direttamente dal nostro sito web.

Per ulteriori informazioni il team di V.I.S.O. è a tua disposizione. Scrivici una email.I